Non ci sono parole di fronte a una logica che prevede l'uccisione di ragazze e ragazzi che vanno a scuola. Hanno colpito una scuola ed è la prima volta che accade.

Una scuola intitolata a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, a vent'anni esatti dagli attentati di Capaci e di via D'Amelio.

Non chiamiamoli bestie, gli autori di questo orrore. Sono persone che hanno scelto di farlo. Lo hanno programmato, organizzato. Hanno deciso di uccidere dei ragazzi e delle ragazze. E' un passaggio terribile, un salto nella disumanità.

Non ci sono parole, ma bisogna trovarle.

C'è bisogno della scuola. Di tanta buona scuola. Per esecrare quanto accaduto. Per riconoscere e ricordare la vittima, per essere vicini ai ragazzi e alle ragazze feriti, agli studenti, ai loro compagni e amici, alle famiglie. Per sostenere una città intera che dovrà trovare la forza di una risposta di civiltà e di riscatto democratico.

C'è bisogno di una reazione forte del Paese contro questa infamia, una reazione che dovrà partire prima di tutto dalle scuole, dai lavoratori e dalle lavoratrici e dagli studenti.

La FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola saranno in prima fila in questa battaglia per la legalità e la democrazia.

Roma, 19 maggio 2012

I segretari generali di

Flc Cgil: DOMENICO PANTALEO

Cisl Scuola: FRANCESCO SCRIMA

Uil Scuola: MASSIMO DI MENNA