Abbiamo appena ricevuto, dalla Direzione scolastica regionale del Friuli, la notizia che le immissioni in ruolo sui posti accantonati saranno fatte tra qualche settimana.
Avevamo già dato qualche giorno fa la notizia, ma altre forze avevano cercato di smentirla. La Cisl scuola s'è sempre battuta per questo risultato, e oggi lo rivendica con grande forza. Altre componenti del mondo sindacale hanno sempre cercato di rimanere imparziali dinanzi a questo argomento. Per la Cisl significava tutelare coloro i quali erana presenti, da anni, nelle gae di una provincia. Il risultato è frutto di una fortissima azione sindacale svolta dal nostro segretario generale nazionale, Francesco Scrima, che più volte, mezzo stampa, s'è espresso per il completamento del piano delle 67000 immissioni in ruolo previste per il 2011 e per lo sblocco dei 10000 posti accantonati (non gravati dai ricorsi al giudice del lavoro), a favore dei presenti nelle graduatorie "non pettinate". I numerosi comunicati stampa della segreteria nazionale della Cisl scuola, pubblicati anche sul nostro sito, dimostrano senza esitazione la coerenza e la linea di un sindacato che della chiarezza e dei risultati concreti ne fa una politica e uno stile sindacale.