Ieri pomeriggio (11 dicembre) al MIUR è fallito l’ultimo tentativo di procedere alla sottoscrizione del Contratto Integrativo sulla formazione del personale scolastico relativamente all’esercizio finanziario 2012.

L’Amministrazione, dopo una serie di incontri che si sono susseguiti da marzo ad oggi, ha riproposto una bozza di contratto con i pochi finanziamenti già destinati ad iniziative di carattere nazionale, senza alcun confronto su criteri e parametri.

La Cisl Scuola e tutte le altre organizzazioni sindacali, contestando un modo di procedere che ripropone ancora una volta interventi decisi in modo unilaterale e senza alcuna garanzia di trasparenza. hanno in vario modo ribadito la richiesta di ridistribuire l’esigua entità delle risorse sulla base di criteri equi e condivisi.

La Cisl Scuola, in particolare, ha chiesto di destinare una quota consistente delle risorse alle Direzione Regionali, finalizzandole alla realizzazione di progetti promossi da reti di scuole su obiettivi concordati in sede di contrattazione regionale.

Preso atto che nessuna delle richieste avanzate aveva la possibilità di essere recepita, non essendosi manifestata alcuna disponibilità in tal senso da parte dell'Amministrazione, le Organizzazioni Sindacali hanno deciso di non sottoscrivere la bozza di Contratto sottoposta alla loro attenzione.

E' grave che si ripeta quanto già accaduto con i finanziamenti delle attività del triennio 2009-2011, oggetto nel maggio scorso di una dura e dettagliata nota della Segreteria Nazionale. Continua l'inaccettabile pretesa di procedere unilateralmente riguardo un istituto contrattuale che tratta una materia di rilevanza strategica per il miglioramento in efficacia e qualità della scuola e per la crescita professionale dei suoi operatori.