Il 7 ottobre il Dipartimento per le risorse del Miur aveva dettato disposizioni alle scuole affinchè  provvedessero all'utilizzo delle somme ancora disponibili per pagare direttamente e non tramite cedolino unico , gli stipendi per supplenze brevi fino all'esaurimento delle risorse stesse.

Le scuole interessate erano quelle che avevano  dichiarato , nella specifica Rilevazione di luglio 2013 ,  giacenze di liquidità per pagamenti di supplenze (dovute ad errate erogazioni degli anni decorsi ).
Abbiamo prontamente rappresentato  le  difficoltà nel pagare direttamente  le supplenze come indicato nella nota del 7 ottobre e abbiamo ottenuto un dietro front del Miur  che, con l'allegata nota, SOSPENDE l’operazione  in attesa di chiarimenti con il MEF.
Pertanto le scuole per ora non devono procedere al pagamento con le risorse dichiarate disponibili in bilancio , in attesa di istruzioni ulteriori.
Resta comunque  necessario prevede il recupero e il pieno riutilizzo di queste economie che risultano  assai consistenti.
 
Segreteria Nazionale Cisl Scuola