CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE L’ISTITUZIONE DI PROCEDURE DI RAFFREDDAMENTO DELL’EVENTUALE CONFLITTUALITA’ CONTRATTUALE GENERATASI A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA E COSTITUZIONE DELLA COMMISSIONE BILATERALE A SUPPORTO DELLA CONTRATTAZIONE SUL TERRITORIO REGIONALE

 

 

L'anno 2009, il giorno 12 , del mese di marzo in Trieste, presso l’Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia, in sede di contrattazione integrativa regionale, composta da:

 

delegazione di parte pubblica

 

dott. Ugo Panetta - Direttore Generale;

dott. Carmine Monaco – dirigente Ufficio II;

 

delegazione di parte sindacale

 

sig.      Natalino Giacomini  FLC/CGIL;

sig.      Donato Lamorte        CISL/Scuola;

sig.      Ugo Previti                 UIL/Scuola;

sig.                  Mauro Grisi   SNALS/CONFSAL;

sig.ra   Giuliana Bagliani      GILDA/UNAMS.

 

VISTO l’art. 4, comma 4, lettera c) del C.C.N.L. del comparto scuola sottoscritto il 29.11.2007, di seguito denominato CCNL, il quale prevede che in sede di contrattazione integrativa regionale siano disciplinate, con cadenza quadriennale, procedure di raffreddamento dell’eventuale conflittualità contrattuale generatasi a livello di istituzione scolastica;

VISTI gli artt. 4 comma 4, lettera d) del CCNL 2006/2009 e 9, comma 6, lettera c) del CCIR n. 6 sottoscritto il 16 dicembre 2008 che prevedono la costituzione di una Commissione bilaterale incaricata dell’assistenza, supporto e monitoraggio delle relazioni sindacali sul territorio regionale

 

 SI STIPULA

 

il seguente contratto integrativo regionale.

 

Art. 1― Campo di applicazione, decorrenza e durata

 

1.   Il presente contratto stabilisce procedure di raffreddamento dell’eventuale conflittualità contrattuale generatasi a livello di istituzione scolastica e le modalità per la costituzione della Commissione bilaterale indicata in premessa.

 

  1. Gli effetti del contratto decorrono dalla data di sottoscrizione. Esso ha validità quadriennale e comunque fino alla sottoscrizione di un successivo accordo in materia.

  2. Ognuna delle parti contraenti può darne disdetta, con lettera raccomandata, almeno tre mesi prima della scadenza. In caso di disdetta, le disposizioni contrattuali rimangono in vigore fino a quando non siano sostituite dal successivo contratto collettivo.

 

 

 

 

Art. 2 ― Obiettivi

 

  1. La procedura per il raffreddamento della conflittualità contrattuale a livello di istituzione scolastica persegue, nel rispetto dell’autonomia negoziale delle parti, gli obiettivi di rimuovere i possibili ostacoli che si frappongono alla stipula dei contratti collettivi d’istituto e di prevenire il ricorso a strumenti di contenzioso, attraverso un organismo all’uopo costituito come previsto dall’art. 3 del presente contratto. L’attività di tale organismo, definito “Commissione di raffreddamento dei conflitti”, si limita all’individuazione di proposte e soluzioni da rimettere alle parti contrattuali (Dirigente scolastico, R.S.U. e rappresentanti territoriali delle OO.SS. firmatarie del vigente CCNL), senza carattere vincolante, nell’ambito delle materie oggetto di contrattazione integrativa d’istituto di cui all’art. 6, comma 2 lettere h, i), j), k), l), m) del CCNL 2006/2009.

 

1 a)      Tale organismo non svolge funzioni consultive a favore delle istituzioni scolastiche e attività di interpretazione di accordi e contratti collettivi vigenti.

 

1 b)      Durante il tentativo di raffreddamento di cui agli articoli 4, 5 e 6 del presente contratto le parti in conflitto si astengono da iniziative unilaterali.

 

  1. La Commissione bilaterale di cui all’art. 8 del presente contratto, ha l’obiettivo di assistere, supportare e monitorare le relazioni sindacali, promuovendone lo sviluppo a livello di istituzione scolastica.

 

Art. 3 ― Commissione di raffreddamento dei conflitti

 

1.      Presso la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale è costituita la Commissione di cui al comma 4, lettera c), dell'art. 4 del CCNL, la quale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 2 del presente contratto, opera per il raffreddamento dei conflitti sorti o che potranno sorgere nell’ambito dell’attività di contrattazione decentrata nelle  istituzione scolastiche.

 

2.      La Commissione, costituita con decreto del Direttore Generale, ed è così composta:

 

per la parte pubblica:

 

Ø      dal Direttore Generale o suo delegato  che la presiede;

 

per la parte sindacale:

 

Ø      dai cinque segretari regionali delle OO. SS. firmatarie del CCNL o loro delegati.

 

 

3.   La Commissione si riunisce, su convocazione del Direttore Generale, con la presenza di tutti i membri.

 

4.      Le funzioni di segreteria sono svolte dall’Amministrazione.

 

5.   La Commissione può dotarsi di un proprio regolamento. Le decisioni della Commissione sono assunte con il voto favorevole della parte pubblica e della maggioranza dei componenti della parte sindacale.

 

6.   La relazione sul caso controverso è svolta dall’Amministrazione.

 

  1. Le decisioni prese dalla Commissione vengono comunicate dall’USR a tutte le istituzioni scolastiche della regione salvo che la stessa decida diversamente per particolari ragioni di riservatezza.

 

 

Art. 4 -  Avvio della procedura di raffreddamento dei conflitti sorti nella contrattazione d’istituto

 

 

1.       La procedura di raffreddamento oggetto del presente Contratto può essere attivata:

 

a)     su richiesta del Dirigente Scolastico dell’istituzione scolastica interessata;

b)     su richiesta a maggioranza dei componenti della R.S.U. dell’istituzione scolastica
interessata;

c)      singolarmente o congiuntamente dalle Segreterie Regionali o Provinciali delle Organizzazioni Sindacali firmatarie del C.C.N.L./2007.

 

2.      Prima di richiedere l’apertura formale della procedura di raffreddamento le parti devono obbligatoriamente tentare di risolvere la controversia all’interno dell’istituzione scolastica interessata.

 

3.      A tal fine, il soggetto intenzionato a promuovere la procedura di raffreddamento, deve anzitutto chiedere formalmente alle restanti parti un incontro interno all’istituzione scolastica, per verificare preventivamente la possibilità di una bonaria definizione del conflitto.

 

4.     Decorsi inutilmente otto giorni dall’invio della richiesta di incontro interno, ovvero esperito senza esito positivo il tentativo di definizione bonaria, il soggetto promotore può inoltrare ufficialmente l’istanza per l’avvio formale del tentativo di raffreddamento alla segreteria della Commissione per il raffreddamento dei conflitti presso l’Ufficio Scolastico Regionale. La stessa richiesta va portata a conoscenza dell’altra parte contrattuale.

 

5.      La richiesta di raffreddamento deve indicare:

 

a)     l’istituzione scolastica interessata;

b)     una sintetica descrizione della controversia sorta, con specifico riferimento alle materie di contrattazione integrativa previste di cui alle lettere da h) ad m) del comma 2 dell’art. 6 del CCNL;

c)      la comunicazione che è stato esperito, senza esito, il tentativo preventivo di definizione bonaria della controversia;

d)     le proposte presentate dalle parti , anche in sede di tentativo di definizione bonaria della controversia, e l’eventuale documentazione ritenuta utile.

 

6)     La presentazione della richiesta di raffreddamento non interrompe le trattative sindacali. Pertanto, al fine di contemperare lautonomia negoziale delle parti con leconomicità dellazione amministrativa, il dirigente dellistituzione scolastica interessata è tenuto a comunicare immediatamente al presidente della Commissione, mediante fax da inviare allUfficio Scolastico Regionale, il raggiungimento dellaccordo contrattuale nelle materie oggetto del conflitto, segnalato con la richiesta di cui al comma 4

 

 

 

Art. 5 - Modalità e tempi di intervento per il raffreddamento dei conflitti

1.      Entro dieci giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta di avvio della procedura di raffreddamento, la Commissione si riunisce presso l’Ufficio Scolastico Regionale e formula la proposta di accordo per il superamento della controversia. Tale proposta viene inviata alle delegazioni trattanti dell’istituzione scolastica interessata.

 

2.      Ai fini della elaborazione della proposta la Commissione può acquisire dalle parti ulteriore documentazione utile, assegnando un breve termine per la sua trasmissione. Inoltre la Commissione, nei casi ritenuti necessari, può sentire le parti.

 

Art. 6  - Esame della proposta da parte delle Istituzioni Scolastiche

1.      Nei dieci giorni successivi al ricevimento della proposta di accordo formulata dalla Commissione, la stessa viene esaminata in sede di contrattazione d’istituto.

 

2.      Nel caso in cui le parti raggiungano l’intesa contrattuale sulla base della proposta di accordo, il Dirigente scolastico ne darà notizia alla segreteria della Commissione di raffreddamento, per la comunicazione a tutti i componenti.

 

3.      Qualora in sede di contrattazione di istituto non venga raggiunto l’accordo contrattuale, la parte pubblica e le rappresentanze sindacali verbalizzeranno le rispettive posizioni. Il verbale sarà trasmesso dal Dirigente scolastico al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale e alla segreteria della Commissione di raffreddamento per la comunicazione a tutti i componenti.

 

Art. 7 ― Verifica della procedura di raffreddamento

1.      Considerato il carattere innovativo della procedura di cui al presente contratto, le parti concordano di sottoporla a verifica entro il 30 ottobre 2009

 

Art. 8 – Costituzione della Commissione bilaterale

 

1.      Ai sensi dell'art. 4, comma 4, lettera d) del CCNL e dell'art. 9, comma 6, lettera c) del CCIR n. 6, sottoscritto il 16 dicembre 2008,  è costituita la Commissione bilaterale.

 

2.      Come previsto dall’art. 4, comma 4, lettera d) del CCNL, essa svolge compiti di assistenza, supporto e monitoraggio delle relazioni sindacali nelle istituzioni scolastiche della regione Friuli Venezia Giulia.

 

3.      Con particolare riferimento alle competenze ad essa attribuite, la Commissione bilaterale opera anche in base a quanto previsto dal penultimo capoverso del comma 2 dell’art. 6 del CCNL.

 

4.      La commissione bilaterale è composta con le modalità di cui ai commi 2 e 3 dell’art. 3 del presente contratto.

 

5.      La Commissione bilaterale può stabilire, con apposito regolamento, le modalità di svolgimento della sua attività secondo principi di efficienza, trasparenza e tempestività. 

 

 

Art. 9 - Interpretazione autentica del contratto

 

1.      Qualora insorgano controversie sull’interpretazione del presente contratto le parti che lo hanno sottoscritto, entro 10 giorni dalla richiesta di uno dei firmatari, si incontrano per definire consensualmente il significato della clausola controversa, sulla base delle procedure previste dal CCNL.

 

2.      L’accordo raggiunto sostituisce la clausola controversa sin dall’inizio della vigenza del presente contratto collettivo integrativo.

 

Art. 10 - Compatibilità finanziaria

1.      Ai sensi dell’art. 47 comma 3 del D.Lvo 165/2001 si dichiara che il presente contratto non comporta, neanche a carico degli esercizi finanziari successivi, impegni di spesa.

 

 

Letto, approvato  e sottoscritto

 

Per la parte pubblica:

 

Il Direttore Generale

dott. Ugo Panetta                                                                                                                           

 

Il Dirigente Ufficio II

dott. Carmine Monaco                                                                                                                  

 

 

Per le Organizzazioni Sindacali:

 

FLC/CGIL                                                                                                                                      

Sig. Natalino Giacomini

 

CISL/Scuola                                                                                                                                   

P.i. Donato Lamorte

 

UIL/Scuola                                                                                                                                    

Sig. Ugo Previti

 

SNALS/CONFSAL                                                                                                                         

Sig. Mauro Grisi

 

GILDA/UNAMS                                                                                                                            

Sig.ra Giuliana Bagliani

C.C.I.R.  N. 2 /2009