Si è tenuto stamattina al Miur il confronto per definire con apposito accordo le modalità di assegnazione alle scuole dei docenti titolari di ambito, in gergo nota come " chiamata diretta".
Il testo che l'Amministrazione ci ha illustrato per l'avvio della trattativa, simile a quello dello scorso luglio su cui non era stato possibile trovare l'accordo, è ancora molto distante dal rispetto della intesa politica del 29 dicembre, non garantisce chiarezza e trasparenza delle procedure e contiene ancora una lista eccessivamente lunga di requisiti, ben 36, da prendere in esame  per l'individuazione per competenze.
Il tavolo si è aggiornato a giovedì prossimo.