Nel decreto legge che il Governo si accinge a varare con le nuove misure sull'emergenza pandemica saranno in parte riviste rispetto ai precedenti annunci le modalità con cui, a partire dal 26 aprile, dovranno essere organizzate le attività didattiche per le scuole secondarie di II grado. Più precisamente, le attività in presenza dovranno essere garantire per almeno il 60% e fino al 100% degli alunni nelle zone classificate come "gialla" o "arancione", e in percentuale variabile dal 50% al 75% degli alunni nelle zone "rosse".
Il decreto, i cui contenuti sono stati anticipati in un confronto con le Regioni, sarà approvato dal Consiglio dei Ministri entro la fine della settimana.