Abbiamo stigmatizzato ancora una volta i ritardi dell’amministrazione nel trattare la questione.

Sottoscritto l’accordo che definisce i parametri con cui saranno assegnate alle istituzioni scolastiche, per l’anno scolastico 2009/2010, le risorse relative alle funzioni strumentali, agli incarichi specifici e alle ore eccedenti le 18 settimanali per le attività complementari di educazione fisica.

L’accordo, in linea con quanto già attuato per il Fis, semplifica le modalità di calcolo indicando criteri e parametri oggettivi e trasparenti legati alla consistenza del personale e ad alcune complessità eventualmente presenti, consentendo alle scuole di individuare con certezza la consistenza delle risorse cui fare affidamento.

Giova ricordare che quanto stabilito nell’accordo si riferisce unicamente ai parametri di calcolo per la determinazione della consistenza finanziaria e non all’attribuzione ai singoli degli eventuali compensi, che rimane di esclusiva competenza della contrattazione integrativa di istituto fermo restando il dettato del CCNL, degli accordi integrativi nazionali e del piano dell’offerta formativa.

La sottoscrizione dell’accordo consente alle istituzioni scolastiche di portare a conclusione le contrattazioni ed al Miur di erogare immediatamente le somme alle scuole, come peraltro richiesto dalla CISL Scuola e dalle altre OO.SS..

La CISL Scuola considera importante l’aver formalizzato nell’accordo, dopo averlo più volte enunciato verbalmente, l’impegno ad intervenire risolutivamente sulle questioni riguardanti il lavoro notturno nei convitti, l’indennità di bilinguismo, l’indennità di direzione ai sostituti del Dsga e duplicazione delle quote di direzione.

L’amministrazione si è impegnata ad accreditare alle scuole gli importi relativi ai 4/12mi delle funzioni strumentali, degli incarichi specifici – primo parametro – (per il secondo sarà avviato un monitoraggio), delle somme per la pratica sportiva.

Saranno erogate altresì le risorse, come richiesto dalla CISL Scuola, a saldo degli istituti contrattuali sopra indicati per le scuole di quelle regioni ove ciò non è avvenuto.

L’amministrazione ha comunicato inoltre che la rata comprenderà i 4/12mi del Fis, la mensa, gli esami per la libera professione, mentre è in fase di spedizione il saldo al 31/12/2009 degli importi per ex Lsu e co.co.co..

Nel corso dell’incontro è stata affrontata la tematica dell’utilizzo delle economie relative alle posizioni economiche del personale Ata da tradurre in un contratto integrativo nazionale.

Le parti hanno convenuto sull’erogazione di una somma una - tantum. E’ stata registrata una diversità di vedute tra amministrazione e OO.SS. sulle tipologie di personale Ata eventualmente beneficiario.
Da un lato le organizzazioni sindacali hanno sostenuto che l’attribuzione doveva riguardare tutto il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario, dall’altro l’amministrazione ha evidenziato serie perplessità, anche di natura tecnica, sui supplenti temporanei.

I tempi operativi per evitare che le somme, specificamente quelle del 2008, siano dichiarati perenti (con il pericolo di un iter lungo e non certo per il recupero) sono ormai molto stretti.

La CISL Scuola, stigmatizzando come ancora una volta i ritardi dell’amministrazione nel trattare la questione ( la richiesta, più volte reiterata, risale a molti mesi fa) rischiano di non consentire approfondimenti puntuali, si è dichiarata disponibile ad un approfondimento in tempi brevi ritenendo che nel prossimo incontro, preannunciato per il 1 dicembre, debba essere data risposta definitiva al problema, perché non si corra il rischio che le risorse non vengano utilizzate e affinchè queste arrivino, invece, al più presto nelle tasche dei lavoratori.

VISUALIZZA L'ACCORDO NAZIONALE