new8
Come preannunciato il 4 u.s. si è avviato il confronto sulla mobilità per il prossimo anno.


Nei primi due incontri, che si sono svolti l’11 e il 16 novembre, è stata effettuata una ricognizione generale sui possibili aggiustamenti da apportare al contratto, ed è stato concordato di fissare al 24 novembre la presentazione completa delle richieste di modifica, eventualmente anche di carattere “strutturale”, al fine di perseguire l’obiettivo di portare a termine la trattativa nel mese di dicembre.


Di seguito evidenziamo i punti salienti emersi durante il confronto.

Presentazione delle domande di mobilità on-line

Prosegue da parte del MIUR il progetto di ridimensionare il ricorso al formato cartaceo delle istanze incrementando l'uso del sistema POLIS (Presentazione On Line IStanze) per l’inoltro via web delle domande di mobilità. Per il prossimo anno la procedura - già attiva lo scorso anno per i docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado - sarà estesa ai docenti del secondo grado. Ne rimarranno, pertanto, ancora esclusi il personale ATA e i docenti di scuola dell’infanzia, che continueranno ad utilizzare le tradizionali modalità di presentazione in "cartaceo".

Da parte di tutte le OO.SS. sulla scorta dell’esperienza dello scorso anno è stato chiesto di migliorare e semplificare le procedure attivate, con particolare riferimento alla compilazione degli allegati, all’indicazione delle preferenze, ai tempi operativi di compilazione delle domande, ai problemi che sono derivati dal sovraffollamento delle linee.
L’amministrazione, in presenza del rappresentante del gestore del sistema informativo, ha comunicato che sono in corso le modifiche, già richieste lo scorso anno, per la selezione dei codici delle preferenze, che renderanno più agevole il riconoscimento delle scuole individuabili anche in base al comune di appartenenza.
Per l’inserimento delle dichiarazioni saranno eliminati i modelli precostituiti e sarà possibile allegare files autonomamente predisposti dagli interessati nei formati più comuni (word, excel, pdf).
Diversamente da quanto preannunciato, sia per problemi legati ai tempi tecnici necessari per l’estensione della modalità via web, sia per evitare errori di trasmissione, non sarà possibile recuperare e modificare le domande e gli allegati inviati lo scorso anno.
Quanto alla registrazione al sistema, propedeutica all’inserimento delle istanze, tutte le OO.SS. hanno chiesto che sia assicurata l’estensione della validità di quelle già effettuate, evitando inutili ripetizioni di procedure. Evidenziamo che attualmente è previsto che dopo sei mesi di inattività rispetto all’ultimo accesso, la registrazione decada.

CCNI

Nel merito del contratto tutte le OO.SS. hanno preliminarmente manifestato la richiesta di mantenere le attuali classi di concorso di titolarità dei docenti, evidenziando al riguardo la indisponibilità dei tempi tecnici necessari per una eventuale applicazione del regolamento di riforma, ancora in fieri. L’Amministrazione, dopo le incertezze mostrate in un primo momento, ha successivamente convenuto sulla conferma dell’attuale impianto delle titolarità.

Nel corso del confronto come CISL Scuola abbiamo evidenziato l’esigenza di una attenta valutazione delle modifiche introdotte dal “ collegato lavoro” (legge 183 del 4.11.2010) all’art. 33 della legge 104/92 e all’art. 20 della legge 53/2000, rispetto alle possibili ricadute sulle disposizioni che regolano il riconoscimento della precedenza per l’assistenza ai genitori portatori di handicap grave. Sulla materia il tavolo ha concordato di rinviare l’esame degli articoli relativi (in particolare il 7 e il 9), per consentire un ulteriore e più puntuale approfondimento della questione da parte del MIUR e delle sigle sindacali.
Abbiamo rilevato, inoltre, la necessità di traguardare una significativa semplificazione delle dichiarazioni da allegare alle domande di mobilità, con riferimento particolare a quelle relative ai servizi prestati (pre-ruolo, ruolo, continuità ecc.) in presenza di valida documentazione giacente presso le scuole e/o l’USP a cui riteniamo debba essere possibile fare riferimento.
E' stata ad oggi effettuata una rapida ricognizione dei primi 20 articoli del CCNI per individuare correttivi eventualmente necessari per una maggiore chiarezza di formulazione del testo.   

 

Il prossimo incontro è stato calendarizzato per il 24 novembre.