Il decreto sul recupero degli scatti per il personale della scuola è un grande risultato, frutto di un'azione intelligente e determinata condotta in una situazione di straordinaria difficoltà. Il ripristino di validità del 2010, grazie al quale a gennaio sono regolarmente in busta paga gli scatti maturati, è solo il primo atto di un'intesa che troverà seguito anche per gli anni successivi.

La necessità di procedere in questo modo era chiara da subito, talmente chiara da farci chiedere - e ottenere - che la "chiave" per risolvere il problema fosse inserita esplicitamente nel decreto: non a caso l'art. 4 già prefigura le modalità da seguire per recuperare gli scatti anche negli anni successivi al 2010.

Chi ha lavorato con impegno e fatica per costruire le intese queste cose le sa; la preoccupata denuncia di altri assomiglia ad una "scoperta dell'acqua calda", di cui fatichiamo a comprendere il senso e l'utilità.

Roma, 20 gennaio 2011

Francesco Scrima, Segretario Generale CISL Scuola