E’ proseguita questa mattina al MIUR l’informativa sugli organici del prossimo anno scolastico. L’Amministrazione ha consegnato ulteriori materiali relativi:

  • - alla situazione dei pensionamenti del prossimo anno, dalla quale risulta che sono state presentate dal personale docente 27.376 domande (un numero sensibilmente superiore alle 22.500 domande dello scorso anno, e alla stima prevista), e dal personale ATA 7.324 domande (dato in linea con le previsioni ancorché superiore alle 6.260 domande dello scorso anno);

  

  • - alla situazione dei posti vacanti e degli esuberi dopo le assunzioni del 2010/2011.

 Ci è stata, inoltre, inviata la bozza della nota sulla confluenza delle discipline del primo e secondo anno di corso degli istituti di II grado nelle attuali classi di concorso, corredata dalle relative tabelle. In apertura dell'incontro il direttore generale del personale, stante i dati rilevati, ha ipotizzato la possibilità di chiedere al MEF per il prossimo anno circa 30.000 assunzioni di personale docente, mentre per il personale ATA la richiesta è rigidamente vincolata al turn over. Al riguardo tutte le OO.SS., richiamando l’entità dei posti vacanti, hanno sollecitato l’Amministrazione a proporre un maggior numero di assunzioni ATA, quanto meno correlandole al risparmio di spesa che deriva dalla maggiore retribuzione che viene corrisposta al personale dimissionario. L’Amministrazione si è impegnata a valutare attentamente la proposta. Durante l’informativa è stata consegnata una nuova bozza della circolare sugli organici, nella quale è previsto che, a differenza di quanto attuato negli scorsi anni, l’obiettivo d taglio dei 19.700 posti dovrà essere realizzato tutto in organico di diritto. Le OO.SS. si sono riservate l’invio di osservazioni al riguardo. Il prossimo incontro è stato calendarizzato per il 2 marzo, con l’impegno da parte del MIUR di consegnare in quella sede sia la rilevazione sulla situazione dei licei musicali, sia le tabelle con la ripartizione regionale dei contingenti di organico assegnati ai diversi gradi di scuola.